scuole amici del festival
animatori newsletter
area clienti  
cerca nel programma
cerca
ricerca avanzata
>mostre ed exhibit
>laboratori
>incontri e conferenze
>spettacoli ed eventi speciali

>25.10.2007
>26.10.2007
>27.10.2007
>28.10.2007
>29.10.2007
>30.10.2007
>31.10.2007
>01.11.2007
>02.11.2007
>03.11.2007
>04.11.2007
>05.11.2007
>06.11.2007

>il Festival in Liguria
>il Festival in Porto Antico

>galleria fotografica


cerca nel programma
cerca
ricerca avanzata


Conferenza

il 30 ottobre, alle 10:00

Palazzo Ducale, Sala del Maggior Consiglio
P.zza Matteotti

L'etica dello scienziato
Marcello Cini, Jeffrey Laurenti. Modera: Riccardo Antonini

Da 15 anni

La storia della creazione e dell'uso delle prime bombe atomiche costituisce una traccia fondamentale e paradigmatica per la comprensione, anche in prospettiva storica, delle profonde connessioni tra politica e scienza che troppo spesso si tende a sottovalutare, o perlomeno a dimenticare. Certamente, esistono ulteriori fattori che meritano di essere analizzati riguardo a questi fenomeni, ma ripercorrere la storia della bomba atomica, dai primi giorni fino a oggi, permette di ipotizzare i possibili scenari futuri attraverso un valido approccio che si regge su tre saldi pilastri: la storia, l'epistemologia e la policy. Il tutto supportato dall'archetipo goethiano del Faust nella rappresentazione originale Faust a Hiroshima. Joseph Rotblat, premio Nobel per la Pace, dapprima scienziato impegnato in prima persona nella costruzione delle prime bombe atomiche, e poi primo obiettore al loro uso, per ragioni di policy appunto, era fermamente convinto che Ğl'aumento di conoscenza è solo uno degli obiettivi della scienza, l'altro dovrebbe essere quello di migliorare la condizione umanağ.

Riccardo Antonini

Marcello Cini

Jeffrey Laurenti

Biglietti Festival

Prenotazione: consigliata

> indietro  > scarica
>> english version  > edizioni precedenti  > area riservata  > contatti  > credits