scuole amici del festival
animatori newsletter
area clienti  
cerca nel programma
cerca
ricerca avanzata
>mostre ed exhibit
>laboratori
>incontri e conferenze
>spettacoli ed eventi speciali

>25.10.2007
>26.10.2007
>27.10.2007
>28.10.2007
>29.10.2007
>30.10.2007
>31.10.2007
>01.11.2007
>02.11.2007
>03.11.2007
>04.11.2007
>05.11.2007
>06.11.2007

>il Festival in Liguria
>il Festival in Porto Antico

>galleria fotografica


cerca nel programma
cerca
ricerca avanzata


Conferenza

Sedi varie

Ripensare l'evoluzione
Ciò che Darwin non poteva sapere
L'evento fa parte di Scienziati nelle scuole
Massimo Piattelli Palmarini

Da 15 anni

La derivazione filogenetica delle specie è un fatto. Le scoperte della recente rivoluzione Evo-Devo non lasciano dubbi: esiste una strabiliante invarianza dei "mattoni" genetici tra specie apparentemente diverse, lungo centinaia di milioni di anni. Tuttavia, il neo-Darwinismo ha posto al centro delle teorie evolutive soltanto un aspetto, quello dell'adattamento gradualistico e della selezione naturale, a fronte di altri meccanismi evolutivi complessi, che concorrono a una più equilibrata sintesi evoluzionistica. Fra questi, i principi di ottimizzazione, i diversi livelli di selezione, l'intercambiabilità fra cambiamenti genetici e cambiamenti ontogenetici, l'epigenetica e lo splicing alternativo. Questo nuovo quadro, più ricco, dimostra di avere un impatto anche sulle ipotesi di evoluzione del linguaggio e della cognizione.

Massimo Piattelli Palmarini
Fisico e bio-fisico di prima formazione, è ordinario di Scienze Cognitive all’Università dell’Arizona. Ha creato e diretto il Dipartimento di Scienze Cognitive (Dipsco), dell’Istituto Scientifico San Raffaele, a Milano, ed è stato docente di Psicologia Cognitiva all’Università Vita-Salute San Raffaele, dove è professore a contratto. Dal 1985 al 1993 è stato Principal Research Scientist al Centro di Scienze Cognitive del Massachusetts Institute of Technology. Oltre che al MIT, è stato visiting professor a Harvard, all’Università del Maryland, al Collège de France, alla Rutgers University e all’Università di Bologna. Autore di numerosi lavori scientifici e di opere di divulgazione, è collaboratore fisso de "Il Corriere della Sera".

Ingresso riservato agli alunni delle scuole ospiti dell'iniziativa.

> indietro  > scarica
>> english version  > edizioni precedenti  > area riservata  > contatti  > credits